Tinto in pianta, la rivincita della natura

La storia ci ha insegnato a tingere i tessuti. La moda lo ha fatto con i capi finiti. Adesso madre natura ci dà una lezione e ci spiega come per dosare i colori non sia necessaria la chimica. E neppure per far crescere e portare a maturazione le piante del cotone. Ci insegna che la terra, da sola, senza alcun additivo sintetico, può far sviluppare le fibre. E può fare in modo che ogni singolo fiocco prenda sfumature diverse: dal bianco al beige, dal grigio-verde fino al color ruggine. Può farlo lentamente, passandogli poco a poco tutti i suoi minerali. In modo che da un terreno ricco di ferro, vengano fiocchi che puntano sul rosso. E da un terreno poco acido, fibre tendenti al bianco o al beige.Beste ha sposato questi principi e ha pensato di farne le basi per un programma di tessuti non solo rigorosamente biologici ma tinti direttamente sulla pianta. Ovvero, ha pensato di sfruttare queste caratteristiche originarie delle fibre per arrivare, attraverso attente selezioni, a una cartella colori assolutamente naturale. Nasce così una famiglia di materiali, dalle varie pesantezze, studiati per coloro che non vogliono fare violenza alla propria coscienza ecologica e insieme ricercano il piacere sofisticato di un tessuto di alta gamma.